back to decameron web        
character search place search word search italian text back to the texts home page  

[back]

Quinta Giornata, Novella Nona

[010] Rimasa adunque vedova monna Giovanna, come usanza è delle nostre donne, l'anno di state con questo suo figliuolo se n'andava in contado a una sua possessione assai vicina a quella di Federigo. [011]Per che avvenne che questo garzoncello s'incominciò a dimesticare con Federigo e a dilettarsi d'uccelli e di cani; e avendo veduto molte volte il falcon di Federigo volare e stranamente piacendogli, forte disiderava d'averlo ma pure non s'attentava di domandarlo, veggendolo a lui esser cotanto caro. [012] E cosí stando la cosa, avvenne che il garzoncello infermò: di che la madre dolorosa molto, come colei che piú no' n'avea e lui amava quanto piú si poteva, tutto il dí standogli dintorno non restava di confortarlo e spesse volte il domandava se alcuna cosa era la quale egli disiderasse, pregandolo gliele dicesse, che per certo, se possibile fosse a avere, procaccerebbe come l'avesse.