back to decameron web        
character search place search word search italian text back to the texts home page  

[back]

Terza Giornata, Novella Quinta

[029] Il cavaliere di questo si rise, ed essendo fornito di pallafreno, ivi a pochi dí entrò in cammino e verso Melano se n'andò in podesteria. La donna, rimasa libera nella sua casa, ripensando alle parole del Zima e all'amore il qual le portava e al pallafreno per amor di lei donato, e veggendol da casa sua molto spesso passare, disse seco medesima: [030]"Che fo io? Perché perdo io la mia giovanezza? Questi se n'è andato a Melano e non tornerà di questi sei mesi; e quando me gli ristorerà egli giammai? quando io sarò vecchia? e oltre a questo, quando troverò io mai un cosí fatto amante come è il Zima? Io son sola, né ho d'alcuna persona paura; io non so perché io non mi prendo questo buon tempo mentre che io posso; io non avrò sempre spazio come io ho al presente; questa cosa non saprà mai persona, e se egli pur si dovesse risapere, si è egli meglio fare e pentere, che starsi e pentersi."