back to decameron web        
character search place search word search italian text back to the texts home page  

[back]

Terza Giornata, Novella Quinta

[010] Il quale, avendo col cavaliere i patti rifermati, da una parte della sala assai lontano da ogni uomo colla donna si pose a sedere, e cosí cominciò a dire: "Valorosa donna, egli mi pare esser certo che voi siete sí savia, che assai bene, già è gran tempo, avete potuto comprendere a quanto amor portarvi m'abbia condotto la vostra bellezza, la qual senza alcun fallo trapassa quella di ciascun'altra che veder mi paresse giammai, lascio stare de' costumi laudevoli e delle virtú singolari che in voi sono, le quali avrebbon forza di pigliare ciascuno alto animo di qualunque uomo. [011] E per ciò non bisogna che io vi dimostri con parole quello essere stato il maggiore e il piú fervente che mai uomo ad alcuna donna portasse; e cosí senza fallo sarà mentre la mia misera vita sosterrà questi membri, e ancor piú; ché, se di là come di qua s'ama, in perpetuo v'amerò. E per questo vi potete render sicura che niuna cosa avete, qual che ella si sia o cara o vile, che tanto vostra possiate tenere e cosí in ogni atto farne conto come di me, da quanto che io mi sia, e il simigliante delle mie cose. [012] E acciò che voi di questo prendiate certissimo argomento, vi dico che io mi reputerei maggior grazia che voi cosa che io far potessi che vi piacesse mi comandaste, che io non terrei che, comandando io, tutto il mondo prestissimo m'ubbidisse. [013] Adunque, se cosí son vostro come udite che sono, non immeritamente ardirò di porgere i prieghi miei alla vostra altezza, dalla qual sola ogni mia pace, ogni mio bene e la mia salute venir mi puote, e non altronde: e sí come umilissimo servidor vi priego, caro mio bene e sola speranza dell'anima mia, che nello amoroso fuoco sperando in voi si nutrica, che la vostra benignità sia tanta e sí ammollita la vostra passata durezza verso di me dimostrata, che vostro sono, che io, dalla vostra pietà riconfortato, possa dire che, come per la vostra bellezza innamorato sono, cosí per quella aver la vita, la quale, se a' miei prieghi l'altiero vostro animo non s'inchina, senza alcun fallo verrà meno, e morrommi, e potrete esser detta di me micidiale. [014]E lasciamo stare che la mia morte non vi fosse onore, nondimeno credo che, rimordendovene alcuna volta la conscienza, ve ne dorrebbe d'averlo fatto, e talvolta, meglio disposta, con voi medesima direste: "Deh quanto mal feci a non aver misericordia del Zima mio!"e questo pentere non avendo luogo, vi sarebbe di maggior noia cagione. [015] Per che, acciò che ciò non avvenga, ora che sovvenir mi potete, di ciò v'incresca, e anzi che io muoia a misericordia di me vi movete, per ciò che in voi sola il farmi il piú lieto e il piú dolente uomo che viva dimora. Spero tanta essere la vostra cortesia che non sofferrete che io per tanto e tale amore morte riceva per guiderdone, ma con lieta risposta e piena di grazia riconforterete gli spiriti miei, li quali spaventati tutti trieman nel vostro cospetto."