back to decameron web        
character search place search word search italian text back to the texts home page  

[back]

Terza Giornata, Novella Terza

[050]"Egli è il vero"disse il frate"che il messo me n'è giunto; io m'avviso che tu ti credesti, per ciò che il marito non c'era, che la gentil donna ti dovesse incontanente ricevere in braccio. Hi meccere: ecco onesto uomo! è divenuto andator di notte, apritor di giardini e salitor d'alberi. [051] Credi tu per improntitudine vincere la santità di questa donna, che le vai alle finestre su per gli alberi la notte? Niuna cosa è al mondo che a lei dispiaccia, come fai tu; e tu pur ti vai riprovando. In verità, lasciamo stare che ella te l'abbia in molte cose mostrato, ma tu ti se' molto bene ammendato per li miei gastigamenti. [052] Ma cosí ti vo' dire: ella ha infino a qui, non per amore che ella ti porti ma ad instanzia de' prieghi miei, taciuto di ciò che fatto hai; ma essa non tacerà piú; conceduta l'ho la licenzia che, se tu piú in cosa alcuna le spiaci, ch'ella faccia il parer suo. Che farai tu, se ella il dice a' fratelli?"