back to decameron web        
character search place search word search italian text back to the texts home page  

[back]

Decima Giornata., Novella Settima

[Voice: mico]
[020]Merzede, Amore, a man giunte ti chiamo,
ch'a Messer vadi là dove dimora.
Dí che sovente lui disio e amo,
sí dolcemente lo cor m'innamora;
e per lo foco ond'io tutta m'infiamo
temo morire, e già non saccio l'ora
ch'i' parta da sí grave pena dura,
la qual sostegno per lui disiando,
temendo e vergognando:
deh! il mal mio, per Dio, fagli assapere.